Certificato di origine

Il certificato di origine è un documento che attesta l'origine non preferenziale (made in)  delle merci destinate all'esportazione,  cioè attesta il luogo in cui sono state prodotte, estratte  o fabbricate oppure il luogo in cui è stata effettuata l'ultima trasformazione sostanziale in grado di modificare la forma o la destinazione d'uso del prodotto finito.
Non certifica la spedizione né è da considerarsi un documento accompagnatorio della merce; è destinato esclusivamente a provare l’origine delle merci sulla base della documentazione probatoria o delle dichiarazioni rese dall'impresa richiedente.

Ai sensi dell’art. 49 del DPR 445/2000 l’origine  non preferenziale della merce non può essere attestata in altre forme e, pertanto, il certificato di origine non può essere sostituito da altro documento.

Il certificato di origine viene utilizzato, per esigenze doganali e commerciali, nei rapporti tra Unione Europea e i Paesi terzi, quando non c'è un accordo fra i paesi per l'ottenimento di benefici daziari.

Diversamente, se esistono accordi tra le parti, l'origine delle merci, definita in questo caso "preferenziale", viene attestata dalle autorità doganali sulla base di tali accordi.

Chi lo può richiedere e dove

  • l'impresa, lo spedizioniere doganale o il rappresentante fiscale incaricato dall'esportatore presso la Camera di commercio della circoscrizione territoriale competente, in relazione alla sede legale, sede operativa o unità locale
  • le persone fisiche non iscritte nel registro imprese presso la Camera di commercio ove il soggetto ha la propria residenza o sede
  • le persone fisiche non residenti in Italia presso la Camera di commercio dove il soggetto si trova con le merci acquistate in Italia.

Modalità di presentazione 

Le richieste di rilascio di certificati di origine devono obbligatoriamente essere inviate per via telematica tramite la piattaforma Cert'O.

Per gestire la pratica telematica occorre preventivamente dotarsi di un account di Telemaco, che si ottiene gratuitamente registrandosi su www.registroimprese.it (cliccare sul pulsante "registrati"). Ricevute user e password (di norma entro 48 ore), accedendo a https://webtelemaco.infocamere.it - servizi e-gov - si potrà utilizzare lo sportello "Certificazioni per l'estero"( Cert'O), dal quale gestire le pratiche telematiche. All'interno dello sportello un corso e-learning gratuito illustra le modalità di funzionamento. E' inoltre disponibile un manuale utente.

Gli importi da pagare per i diritti di segreteria vengono scalati da un castelletto alimentato su Telemaco mediante carta di credito.

La domanda di rilascio di CO e gli allegati (fatture, lettere di credito, ecc.) devono essere firmati digitalmente dal legale rappresentante dell'impresa.

La trasmissione telematica delle domande di rilascio di certificati di origine può essere delegata ad altro soggetto. A tal fine il delegato dovrà essere incaricato mediante atto redatto sull'apposito modello. La delega, firmata digitalmente, va allegata alla pratica di Conferimento delega che deve essere predisposta con la piattaforma Cert'O accedendo a https://webtelemaco.infocamere.it - servizi e-gov - sportello "Certificazioni per l'estero"( Cert'O)

Istruzioni per la compilazione

I principi generali per il rilascio dei certificati di origine delle merci sono indicati nelle disposizioni emanate dal Ministero dello Sviluppo Economico d'intesa con Unioncamere nazionale (nota ministeriale n. 62321 del 18 marzo 2019 ) e disponibili nella sezione "Allegati e riferimenti utili".

Costi

ll rilascio del certificato è soggetto al pagamento di € 5 per diritti di segreteria (sia per l'originale che per le copie). I diritti vengono detratti dal fondo prepagato costituito su Telemaco.

Stampa in azienda

"Stampa in azienda" è la procedura telematica che permette all'impresa di stampare i certificati di origine o i visti su fattura presso la propria sede.

Per usufruire del servizio l'impresa deve essere in possesso dei requisiti prescritti e deve inviare all'indirizzo  cciaa@pec.marche.camcom.it la domanda di adesione nonché la richiesta dei formulari su cui effettuare la stampa. 

L'ufficio camerale, completata l'istruttoria della pratica telematica trasmessa tramite procedura Cert'O, invia alla pec dell'impresa il file del certificato di origine e/o della fattura in formato pdf, firmato digitalmente, con il timbro della Camera di Commercio e la firma scansionata del funzionario responsabile.

Network internazionale ICC/WCF

La Camera di Commercio delle Marche, allo scopo di agevolare il percorso di  digitalizzazione del processo di rilascio e riconoscimento dei Certificati di origine a livello internazionale, è stata accreditata al Network internazionale ICC/WCF per la certificazione di origine. I certificati di origine rilasciati da questa Camera pertanto riportano l'apposito logo circolare. 

Logo_WordChambersFederation.jpg

Tale accreditamento consente la verifica di tutti i certificati rilasciati sul sito http://certificates.iccwbo.org/ selezionando la Camera di Commercio emittente, indicando il nr. di certificato (nr. di serie senza barra ) e la data di rilascio.

Banca Dati Nazionale dei Certificati di Origine

Dal 31 mar 2020 è  attiva la Banca dati Nazionale dei Certificati di Origine, il cui obiettivo è quello di rendere possibile una verifica della veridicità del certificato.

Sul certificato di origine sono apposti:
- un QR Code posizionato sulla banda laterale sinistra del modulo;
- un codice di sicurezza nella casella 8 (codice alfanumerico generato in automatico dal sistema centrale);
- il link al portale della Banca Dati Nazionale dei Certificati di Origine nella casella 8.

Chiunque sia in possesso del certificato (banche, dogane e clienti esteri) avrà la possibilità di verificare i dati in esso riportati confrontandoli con quelli estraibili dalla Banca Dati Nazionale:

  • da cellulare: basta inquadrare il QR-code con l'apposita App o con la fotocamera. Sarà proposto il link di accesso al certificato di origine, cliccato il quale, verrà aperta la pagina di dettaglio contenente i tutti i dati del certificato 
  • online: è  sufficiente collegarsi al sito https://co.camcom.infocamere.it/ e digitare il codice di sicurezza riportato nella casello 8 certificato

Allegati e riferimenti utili

Visualizza

Riferimenti normativi

Nota ministeriale n. 62321 del 18 marzo 2019: disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l'estero (Istruzioni per la compilazione, documentazione da allegare, prove di origine ammissibili)
Allegati alla nota ministeriale 62321 del 18 marzo 2019 (Estratto regole di origine)
Regolamento UE n. 952/2013 del 9 Ottobre 2013 che istituisce il Codice Doganale dell'Unione (CDU)
Regolamento Delegato del CDU n° 2446 del 28 luglio 2015
Allegato 22-01 (estratto Reg 2446/2015) - regole di origine specifiche
Regolamento di Esecuzione del CDU: regolamento di esecuzione (UE) n. 2447 del 24 novembre 2015

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/02 07:50:00 GMT+1 ultima modifica 2020-10-27T10:50:36+01:00