Centri tecnici per il tachigrafo analogico

Centri tecnici per il tachigrafo analogico

Le autorizzazioni ad operare sui cronotachigrafi analogici o CEE, che assegnano all'impresa richiedente un codice identificativo alfanumerico con il quale l'impresa medesima contrassegna i cronotachigrafi riparati, resteranno valide solo per i cronotachigrafi analogici finché ce ne saranno sui mezzi in circolazione.

Le officine autorizzate dovranno richiedere la modifica dell'autorizzazione allorché si verifichino variazioni rispetto all'autorizzazione originariamente concessa mediante apposito modulo.
L’attuale normativa prevede che potranno essere rilasciate nuove autorizzazioni ad operare sui cronotachigrafi CEE soltanto a quelle officine che abbiano i requisiti previsti per i centri tecnici che operano sui tachigrafi digitali.

Nel caso in cui un'officina autorizzata cessi l'attività di riparazione di cronotachigrafi analogici, il suo titolare o legale rappresentante dovrà far pervenire all'ufficio Metrologia Legale una comunicazione di cessata attività alla quale accompagnerà:
a) la consegna dell’autorizzazione ministeriale originale;
b) la consegna di tutti i punzoni, a percussione e a tenaglia, utilizzati;
c) la consegna dei registri per le operazioni.

L'Ufficio metrico comunicherà al Ministero dello Sviluppo Economico la rinuncia all’autorizzazione da parte dell'impresa, allegando l’autorizzazione originale ed un verbale di deformazione dei punzoni consegnati.

Elenco dei Centri tecnici della regione Marche che operano sui tachigrafi analogici

Elenco dei Centri tecnici della regione Marche che operano sui tachigrafi analogici

Modulistica centri tecnici tachigrafi analogici

Modulistica Centri tecnici tachigrafi analogici

Allegati e riferimenti utili

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/13 10:48:00 GMT+2 ultima modifica 2020-08-05T21:31:07+02:00