Diritto Annuale

Diritto Annuale Camera di Commercio delle Marche

Il Diritto Annuale

Il diritto annuale è un tributo che tutte le imprese iscritte o annotate nel Registro delle Imprese devono versare ogni anno a favore della Camera di commercio competente territorialmente (L. 580/93 art. 18, come modificato dall'art. 1, comma 19, del D.Lgs. n. 23/2010).

In base al testo dell'art. 18 della legge 580/1993, come modificato dall'art. 1, comma 19, del D.Lgs. n. 23/2010, il decreto che fissa le misure del diritto annuale non deve più essere emanato annualmente, ma solo in caso di aggiornamento degli importi.

L’art. 28, comma 1 del Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni nella Legge 11 agosto 2014, n. 114 recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari stabilisce che: “Nelle more del riordino del sistema delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, l’importo del diritto annuale come determinato per l’anno 2014, è ridotto, per l’anno 2015, del 35%, per l’anno 2016, del 40%, e, a decorrere dall’anno 2017, del 50%”.

Con il Decreto 12 marzo 2020 il Ministero dello Sviluppo economico ha autorizzato, ai sensi dell’art. 18 comma 10, della Legge n. 580/1993, come modificato dal d.lgs. 25 novembre 2016, n. 219, anche per la Camera di Commercio delle Marche l’incremento delle misura del diritto annuale, per il triennio 2020-2022, per il finanziamento dei progetti indicati nelle deliberazioni dei Consigli camerali elencate nell'allegato "A" del medesimo decreto (CCIAA delle Marche - Delibera di Consiglio n. 25 del 9 dicembre 2019).

Soggetti obbligati al pagamento

Devono versare il diritto annuale sia le imprese iscritte o annotate nel Registro Imprese al 1° gennaio di ogni anno, sia le imprese iscritte o annotate nel corso dell'anno.

Le imprese che esercitano l'attività anche tramite unità locali, sono tenute al pagamento per ciascuna unità ed a favore della Camera di Commercio nella cui provincia è ubicata l'unità locale medesima.

La Camera di Commercio delle Marche è competente per le imprese e le unità locali ubicate nei comuni dell’intera regione.

Nel caso di trasferimento della sede legale o principale in altra provincia, il diritto è dovuto alla Camera di Commercio ove è ubicata la sede legale o principale al primo gennaio dell’anno a cui si riferisce il pagamento o alla diversa data se l’impresa è stata costituita successivamente al primo gennaio.

Dal 01/01/2011 sono tenuti al pagamento anche i nuovi soggetti iscritti al solo Repertorio Economico Amministrativo (soggetti "only" REA).

Cessazione dall'obbligo di versamento

Come disposto dall'art. 4 del DM 359/2001, cessano dall'obbligo del pagamento del diritto annuale le imprese che effettuano la cancellazione soddisfacendo entrambe le condizioni di seguito elencate per ogni tipologia di impresa:

  • IMPRESA INDIVIDUALE:
    - Cessazione dell'attività entro 31 DICEMBRE dell'anno precedente a quello di cancellazione;
    - Presentazione della domanda di cancellazione entro il 30 GENNAIO dell'anno successivo a quello di cessazione (vale il giorno di invio)
  • SOCIETA’ DI PERSONE
    - Scioglimento senza liquidazione deliberato entro il 31 DICEMBRE dell'anno precedente a quello di cancellazione o approvazione del bilancio finale di liquidazione entro il 31 DICEMBRE dell'anno precedente a quello di cancellazione (in caso di approvazione tacita è il 60° giorno dalla data indicata nell’apposito modello; in caso di approvazione espressa è la data di ricevimento dell'ultima quietanza attestata dal liquidatore sulla dichiarazione sostitutiva)
    - Presentazione della domanda di cancellazione entro il 30 GENNAIO dell'anno successivo a quanto indicato sopra (vale il giorno di invio)
  • SOCIETA’ DI CAPITALI
    - Approvazione del bilancio finale di liquidazione entro il 31 DICEMBRE dell'anno precedente a quello di cancellazione (in caso di approvazione tacita è il 90° giorno dalla data di iscrizione del bilancio finale - in caso di approvazione espressa è la data di ricevimento dell'ultima quietanza attestata dal liquidatore sulla dichiarazione sostitutiva)
    - Presentazione della domanda di cancellazione entro il 30 GENNAIO dell'anno successivo a quanto indicato sopra (vale il giorno di invio)
  • IMPRESE FALLITE:
    Tutte le imprese dichiarate fallite o poste in liquidazione coatta amministrativa, a partire dall'anno solare successivo a quello in cui è stato adottato il provvedimento, fatta eccezione nei casi in cui sia stato autorizzato l'esercizio provvisorio dell'impresa.

Cassetto digitale dell'imprenditore

Visita il sito impresa.italia.it, potrai accedere al cassetto digitale dell'imprenditore, dove è possibile consultare visure, pratiche, bilanci della tua azienda e verificare i versamenti del Diritto Annuale, proprio quando ti servono, ovunque ti trovi, anche da smartphone e tablet, per poter accedere a bandi, voucher e finanziamenti, senza costi aggiuntivi.

Scopri di più